Informazione giuridica:
blog dell'avv. prof. Marco Ticozzi
Professore Aggregato di Diritto Privato presso Università Ca' Foscari Venezia | Avvocato Cassazionista iscritto all'Ordine degli Avvocati di Venezia con studio a Mestre Venezia, Treviso, Vicenza.
27 Ottobre 2020

Revoca del fallimento e compenso del curatore

Revoca del fallimento e compenso del curatore.
In caso di revoca del fallimento già dichiarato si pone la questione, non solo degli effetti della revoca sugli atti del fallimento posti in essere, ma anche del compenso del curatore: ha diritto di essere pagato e da chi?
Recentemente la Corte D’Appello di Venezia si è occupata proprio della questione del compenso del curatore all’esito della disposta revoca di un fallimento.



Revoca fallimento compenso curatore

Revoca del fallimento e compenso del curatore: Corte d'Appello Venezia, 31/01/2020 e revoca della sentenza di fallimento.

 

Come anticipato, la sentenza in questione si occupa della questione del compenso del curatore all’esito della revoca della sentenza di fallimento.
Nel caso oggetto di causa: avanti al Tribunale, che aveva disposto il fallimento, la società poi fallita era rimasta contumace; aveva poi opposto la sentenza di fallimento chiedendo la revoca, non ricorrendo i limiti dimensionali previsti.
Sul punto la sentenza in esame ha indicato che l’opposizione alla sentenza di fallimento è fondata, con conseguente diritto alla sua revoca del fallimento: “i bilanci d'esercizio relativi agli ultimi tre anni attestano il mancato superamento delle soglie di fallibilità di cui all'art. 1, comma II, lett. a), b) e c), l.f.. I dati di bilancio trovano riscontro sia negli accertamenti compiuti dalla curatela, siccome travasati nella relazione ex art. 33 l.f. acquisita agli atti, che evidenziano in particolare l'inconsistenza del patrimonio attivo; sia nelle risultanze della verifica del passivo fallimentare, prevalentemente costituito da debiti di natura fiscale, per importo complessivamente ben al di sotto della soglia di rilevanza di Euro 500.000,00 di cui alla lett. c) dell'art. 1, comma terzo, l.f. Da quanto precede consegue la revoca del fallimento”.

Revoca del fallimento e compenso del curatore: Corte d'Appello Venezia, 31/01/2020, art. 147 DPR 115/2002 e compenso del curatore.

 

Revoca del fallimento e compenso del curatore. In merito al compenso del curatore dopo la revoca della sentenza di fallimento, occorre anzitutto ricordare che l’art. 147 DPR 115/2002 prevede che “in caso di revoca della dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale, le spese della procedura e il compenso del curatore sono a carico del creditore istante quando ha chiesto con colpa la dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale; sono a carico del debitore persona fisica, se con il suo comportamento ha dato causa alla dichiarazione di apertura della liquidazione giudiziale. La corte di appello, quando revoca la liquidazione giudiziale, accerta se l'apertura della procedura è imputabile al creditore o al debitore”.
La disposizione, che chiarisce chi debba essere onerato dei costi del compenso del curatore, si riferisce però: a) alla liquidazione giudiziale e non espressamente al fallimento; b) al debitore persona fisica e non alle persone giuridiche.
Sul punto la sentenza Corte d'Appello Venezia, 31/01/2020 ritiene applicabile la previsione anche al curatore fallimentare e al suo compenso nel caso di revoca del fallimento, quantomeno per analogia “occorre dar atto, ai sensi e per gli effetti dell'art. 147 D.P.R. n. 115 del 2002, che l'apertura della procedura è imputabile alla debitrice che, pur ritualmente notiziata della pendenza della procedura prefallimentare, ha omesso di costituirvisi svolgendovi le stesse difese in fatto e diritto dispiegate in sede di gravame, difese che, in conseguenza della dimostrata insussistenza dei requisiti dimensionali di fallibilità, avrebbero condotto al rigetto dell'istanza.
Va al riguardo puntualizzato che la disposizione dell'art. 147 D.P.R. n. 115 del 2002, nel testo come sostituito dall'art. 366, comma 1, D.Lgs. 12 gennaio 2019, n. 14, nello stabilire che in caso di revoca della liquidazione giudiziale, le spese della procedura ed il compenso al curatore sono a carico del soggetto che con il suo comportamento ha dato causa alla dichiarazione di apertura della procedura liquidatoria, circoscrive la responsabilità ex latere debitoris al "debitore persona fisica", così non ricomprendendo nella previsione il caso, che ricorre nella fattispecie, in cui la liquidazione giudiziale riguardi debitore costituito in forma di ente giuridico. Si ritiene peraltro che la lacuna sia colmabile mediante ricorso ad interpretazione analogica, non essendo ravvisabili, ad avviso di questo giudicante, elementi che giustifichino l'assoggettamento del debitore ad un diverso regime di responsabilità, a seconda della sua natura giuridica, che costituisce elemento meramente accidentale rispetto alla condotta presupposta ed alle conseguenze da essa scaturenti. In assenza di idoneo e ragionevole criterio distintivo, un'interpretazione costituzionalmente adeguata, che abbia come riferimento i parametri rappresentati dagli artt. 3 ed 81 Cost. - quanto al primo paramentro, per la diversità di trattamento di situazioni analoghe, quanto al secondo in considerazione dell'aggravio finanziario derivante dalla sopportazione da parte dell'Erario delle spese della procedura liquidatoria poi revocata, aperta nei confronti di persona giuridica cui l'apertura sia imputabile - impone dunque di estendere analogicamente il regime di responsabilità di cui all'art. 147 D.P.R. n. 115 del 2002 anche al debitore persona giuridica”.
Proprio in forza di tali considerazioni la Corte d’Appello di Venezia, pur disponendo la revoca del fallimento, ha accertato che l'apertura della procedura fallimentare è imputabile al debitore, con ogni conseguenza in ordine al compenso del curatore.
Revoca del fallimento e compenso del curatore.
di Marco Ticozzi
avvocati civilisti Venezia

Photogallery
Newsletter
Iscriviti alla Newsletter
per ricevere gli ultimi aggiornamenti
ricevi mensilmente gli aggiornamenti sui temi più importanti trattati da questo blog
Venezia Mestre
Via Torino, 180
Imm. Direzionale “La Torre” – 3° piano
Tel. +39 041 8878980
Fax +39 041 959351
Treviso
Viale Monte Grappa, 28
Tel. +39 0422 433922
Fax +39 0422 296303
Roma
Via del Tritone, 102
Tel. +39 06 92949236
Fax +39 041 959351
Vicenza
Bassano del Grappa
Largo Parolini, 131
Tel. +390424066336